La Bolla di Fondazione

La cittadina di Trevi è posta in alto in un'amena pendice dell'estremo contrafforte del Monte Petino a Nord di Spoleto. Il duomo di S. Emiliano con il suo alto campanile è il punto più eminente e venendo da Spoleto si scorge come isolato dalla cerchia dei monti di quest'Umbria sacra.

A mezzogiorno proprio nell'estremo lembo della cittadina, nella Piaggia sorge il monastero delle Benedettine di S. Lucia con gli archi del suo chiostro a ridosso della vallata tutta di ulivi in un punto solatio e pieno di pace, nel silenzio immenso.
Fu fondato da un gentiluomo di Trevi, Nardulo Accursucci, per la moglie Lucia e le sue tre figliole che vi si ritirarono desiderose di servire il Signore sotto la regola di S. Benedetto.
La bolla di erezione porta la data del 30 luglio 1344 essendo pontefice Clemente VI e Bartolo de' Bardi, vescovo di Spoleto. Nardulo Accursucci impiegò tutti i suoi beni e le sue sostanze per questa costruzione che in origine era un piccolo oratorio con poche stanze; poi man mano che crescevano le aspiranti a vita religiosa, vivente ancora lui stesso, fu ingrandito e divenne un vero monastero con chiesa, campanile e cimitero ed anche dotato di beni in poderi e vigne e casali posti sino alla piana di Foligno. Possedeva anche nel Castello di Fabbri verso Montefalco la chiesina di S. Chierico o Quirico come è ricordato in un inventario del 1728.
Tutti questi beni provenivano, oltre che dai lasciti del fondatore, dalle doti delle religiose che direttamente li amministravano. Non erano ricchezze eccessive, ma sufficienti per il mantenimento del monastero e per fare la carità ai bisognosi.
Alla conservazione della perfetta osservanza ed al mantenimento dello spirito monastico nel monastero di S. Lucia, oltre il fervore di molte religiose che si ha per tradizione esservi vissute in concetto di santità, aveva conferito molto l'avervi impiegato la loro opera molti uomini apostolici, famosi per valore d'ingegno e santità di vita quali, San Giuseppe da Leonessa, che vi operò un miracolo per il quale fu fatto il processo che si conserva nell'archivio notarile di Trevi, S. Leonardo da Porto Maurizio, il P. Giov. Batt. Crivelli della Compagnia di Gesù, già direttore di S. Veronica Giuliani, il celebre missionario e servo di Dio, Mattia Amadio, parroco di Mucciafora nelle Marche ed il P. Cancellotti della Compagnia di Gesù che fin dal 1756, quando dimorava in Spoleto, fu grande benefattore spirituale e materiale.
Si erano susseguiti quasi cinque secoli di pacifica vita sino alla bufera nel 1810 quando l'orda napoleonica violò il rifugio e ne disperse le pacifiche abitatrici che però rimasero in Trevi presso famiglie di parenti ed amici, sempre vigili scolte per ridiscendere a popolare la loro casa e potervi ricostituire la famiglia di Dio. Nel partire avevano portato con sé, custodite gelosamente, le bolle papali, le SS. Reliquie, le cose sacre più preziose ed i libri dell'archivio.
Il resto fu consegnato ad amici, che coscienziosamente, riconsegnarono e rimisero al posto tutto, sicché nulla mancò, come i diversi inventari fanno fede.
Il monastero sotto la guida di eccellenti abbadesse, quali la Tesbina, la serva di Dio Prosperi, la Pellegrini, rifiorì e sussiste ancora numeroso e nella preghiera, nel  lavoro monastico ad edificazione di molti.


1344, luglio 30, Spoleto


Originale, perg., cm. 49x43; la piegatura in cinque parti ha consumato alcune parole e lettere Nel verso a destra:

«Bolla de la fondatione del monasterio di S. Lucia fatta nel 1344 da frate Bartolo, vescovo di Spoleto a Narduli, moglie et  figliola, fondatore di d. monastero al pontificato di papa Clemente VI; da altra mano 1344; a traverso: Julius 1344 >>.

Sigillo in cera con nastro di seta rossa ottimamente conservato, diviso in tre scomparti: nel primo in alto, immagine della Madonna con il Bambino; nel secondo a due posti: un santo vescovo con pastorale e mitria, forse S. Agostino, essendo il vescovo Bartolo degli Eremitani Agostiniani; un santo con barba ed un coltello in mano, forse S. Bartolomeo apostolo; nel terzo il vescovo inginocchiato con in basso lo stemma.
Inscrizione: S FRIS BARTHOLOMEI DE BAR / DIS DEI GRA. EPI / SPOLETANI
Nel verso a sinistra: « Bartolomeo, vescovo di Spoleto a istanza di Nardulo Accursuccj, della moglie e delle figlie concede l'oratorio di S. Lucia nella Piaggia di Trevi, perché si eriga un Munistero sotto la regola di S. Benedetto sotto il giorno-30 luglio 1344. N. I».
Frater Bartholus miseratione divina Spoletanus episcopus dilectis in Christo filiis Narclulo Accursucii de Trevio ejusque uxori et filiabus nostrae Spoletanae dioecesis salutem in Domino.
In nostra tu, Nardule, praesentia constitutus pro te et dictisi uxore et filiabus tuis nobis humiliter supplicasti ut cum tu et ipsae tuae uxor et filiae pro salute animarum vestrarum intendatis mundanis illecebris derelictis sub regulari habitu Domino famulari vobis construendi in domibus et fundo vestris positis in plazia Trevii dictac nostrae dioecesis monasterium cum ecclesia seu oratorio et cimiterio juxta illud pro degentibus in ipso dumtaxat et campanella  sub vocabulo beatae Luciae virginis et martyris gloriosae, in quo possint, dictae uxor et filiae sub regula beati Benedicti Domino famulari. et abbatissam eligere nobis et nostris successoribus praesentandam et per nos et nostros successores cum nobis et ipsis nostris successoribus de jure videbitur confirmandam, et moniales et sorores ac oblatos  eligere nominare et recipere in ipso monasterio sine alia licentia nostra vel successorum nostrorum valeant, dummoclo tam abbatissa atque sorores et oblati ipsius monasterii et ipsum monasterium semper sint et remaneant sub protectione et correctione nostra et nostrorum etiam successorum. et insuper ut sacerdotem abbatissa et conventus dicti monasterii eligere et habere possint qui eis et oblatis ipsius monasterií ministret ecclesiastica sacramenta tibi et ipsis uxori et filiabus pro ipsis et succedentibus eis in ipso monasterio licentiam et facultatem sub annuo censu unius librae cerae sine aliqua' alia alicujus rei praestatione et gravamine alio concedere dignaremur cum clausulis opportunis. Et tu et ,ipsae tuae uxor et filiae tamquam funclatores ejusdem monasterii patroni ipsius monasterii  dum vixeritis exsistatis et jus patronatus habeatis donec vixeritis in eodem. nos vero tuum et ipsarum uxoris et filiarum propositum tamquam laudabile et Dei laudem respiciens in Domino commendantes ac volentes tibi et eis in hac parte conclescendere gratiose, tibi et supradictis uxori et filiabus tuis pro vobis et clicto monasterio et vobis succeclentibus in eodem, omnimodo causa et jure quibus melius possumus, concedimus per praesentes ut ipsum monasterium in domibus praedictis et fundo construere valeatis ac ecclesiam seu oratoiium in quo divina officia celebrentur et cimiterium juxta illud pro abbatissa et sororibus ac oblatis monasterii praelibati, dummodo ipsi monasterio omnia bona vestra, jura et nctiones in quibuscumque rebus consistentia concedatis. et ex nunc declaramus quod facta dicta concessione jus patronatus dum vixeritis tiamquam fundatores ipsius monasterii in dicto monasterio habeatis, vobisque mulieribus et vestris successoribus in ipso monasterio regulam beati Benedicti concedimus, statuentes quod ipsa regula in ipso monasterio perpetuo observntur. et quod abbatissam cligere, sorores et oblatos rccipcrc, et presbyterum eligere qui ministret vobis et eis ecclesiastica sacramenta valear conventus ipsius monasterii sine nostra et nostrorum successorum licentia et consensu, dummorlo ipsa abnatissam a nobis et nostris successoribus confirmationem recipere teneatur.
eximimus tamen ipsum monasterium et conventum ípsius ab omni praestatione nobis et nostris successoribus facienda, praeter quam unius librae cerae
quam nobis et nostris successoribus singulis annis in festo sancrae Mariae de mense augusti dare canonis nomine teneantur, ad poenam decem librarum
perusinorum parvorum. quam poenam quotiens cessaverint in solutione dicti canonis nobis et nostris successoribus solvere teneantur abbatissa et conventus monasterii sepedicti. in quorum omnium testimonium praesentes manclamus per Elyam subscriptum nostrum notarium publicari et nostri sigilli
appensione muniri.
Datum et actum Spoleti in nostro episcopali palatio, anno Domini millesimo trecentesirno quadragesimo quarto, tempore sfmctissimi patris ac domini dommi Clementis papae VI, indictione XIII, et die penultimo mensis julii, praesentibus dommo Bartholo de Trevio canonico Fulginate, dommo Bartholo Maratii camerario, fratre Aegidio Andrioli cappellano, et Philippaccio dornicello, nostris testibus ad haec vocatis et rogatis, et vicario.
Ego Liictus dictus Elyas Andree de Spoleto imperiali auctoritate notarius et nunc notarius praefati domini episcopi hiis omnibus interfui et de mandato ejusdem domini episcopi ac rogatu clicti Nardoli praedicta omnia scripsi et fideliter publicavi.

don ANSELMO TAPPI-CESARINI
dell'Abbazia di S. Paolo

Copyright © 2010
Monastero delle Benedettine Santa Lucia
Tutti i diritti riservati